Home Cosmetici & Skincare Metti in valigia una protezione solare affidabile contro i raggi del sole!

Metti in valigia una protezione solare affidabile contro i raggi del sole!

by Adriana
Pubblicato: Ultimo aggiornamento

Per non incorrere in una pelle bruciata e irritata durante le vacanze, metti in valigia, nello zaino e nella borsa da spiaggia una protezione solare affidabile, contro i raggi UV. Il sole colpisce la nostra pelle praticamente tutto l’anno, ma ci esponiamo molto più spesso durante le vacanze estive. 

Viaggiamo verso varie destinazioni in tutto il mondo che hanno diversi spessori di protezione dall’ozono. Perché questo è importante? Lo strato di ozono funge da scudo invisibile contro le radiazioni ultraviolette o UV. È un’onda elettromagnetica con un’energia così elevata che è in grado di scindere le molecole di DNA e questo può portare 
allo sviluppo di una crescita cellulare innaturale e alla formazione del melanoma. Tuttavia, lo strato di ozono ci protegge solo dalle radiazioni UVC aggressive, gli altri due tipi di radiazioni UVA e UVB raggiungono la Terra e sono pericolosi per l’uomo. 

La radiazione UVA funziona tutto l’anno, non viene fermata dalle nuvole, dal vetro o dalla nostra pelle, sotto cui penetra in profondità e ne provoca l’invecchiamento . UVB dale nuvole o il vetro bloccano la radiazione, ma una volta che ci colpisce , si riscalda e provoca ustioni. 

Entrambi i tipi di radiazioni UV danneggiano la nostra pelle, ne accelerano l’invecchiamento, riducono l’immunità e aumentano il rischio di cancro della pelle.

Come conoscere i fattori UV della protezione solare

Per proteggersi al meglio dai suoi effetti è necessario monitorare il valore del fattore UV nei prodotti solari. Più è alto, più radiazioni UV assorbe . Il fattore di protezione (OF) esprime semplicemente un multiplo del tempo per una permanenza al sole relativamente sicura senza infiammazioni cutanee con arrossamenti. Un prodotto con SPF 20 dovrebbe quindi garantire una permanenza sicura al sole per circa 100 minuti.

La scelta del giusto SPF dipende dal fototipo della pelle, dall’altitudine, dalla distanza dall’equatore e dalla stagione. Per i fototipi II e III, comuni alle nostre latitudini, si consiglia l’uso di SPF 10 o 20, e in caso di permanenza al mare, almeno SPF 25. Tuttavia, la differenza tra fattori superiori è minima, un prodotto che dichiara una protezione il fattore 30 assorbe il 97% delle radiazioni UVB, il fattore 50 assorbe circa l’1% in più di radiazioni. SPF 50 può essere adatto per fototipo I, problemi di pelle o allergia solare. Tuttavia, non esiste una pellicola protettiva al 100% .

Domande e informazioni sulla protezione della pelle utilizzando solo oli vegetali puri, ad esempio nimbus o olio di tamanu, compaiono molto spesso. Entrambi gli oli citati hanno un OF di 1,5-2. Tuttavia, gli oli vegetali per loro stessa natura vengono facilmente assorbiti dalla pelle, il che è indesiderabile per il fattore UV, e quindi non possono nemmeno avere un fattore di protezione più elevato. Tuttavia, hanno la loro importanza nelle creme solari, servono come ulteriore idratazione della pelle, non come protezione dal sole.

Composizione fisica contro composizione chimica

Nella vasta gamma di prodotti per la protezione solare odierna, puoi scegliere se la protezione sarà fornita da un filtro UV chimico, utilizzato nelle comuni creme solari, oppure puoi scegliere prodotti con un filtro UV naturale e fisico. I filtri UV chimici sono più resistenti, vengono assorbiti dalla pelle e assorbono le radiazioni UV, ma hanno un potenziale tossico, spesso causando reazioni allergiche o eczemi. Il loro svantaggio è che diventano efficaci solo poche decine di minuti dopo l’applicazione. I filtri UV fisici sono pigmenti di biossido di titanio e zinco sotto forma di grani fini di diverse dimensioni, che non vengono assorbiti dalla pelle, rimangono sulla sua superficie e riflettono la radiazione UV come uno specchio, quindi le loro nanoparticelle non penetrano sotto la superficie di la pelle. Inoltre, sono efficaci immediatamente dopo l’applicazione.

https://diventaremamma.com/quale-protezione-solare-usare-per-i-bambini-e-per-noi-mamme/

Regole di una sana abbronzatura

  1. Scegli una protezione solare adatta al tuo fototipo.
  2. Preparati prima della stagione dell’abbronzatura aumentando l’assunzione di carotene, sia sotto forma di verdure che lo contengono sia in integratori alimentari come l’olio di olivello spinoso. Il carotene favorisce la formazione del pigmento cutaneo melanina, che è alla base del colore “sano” dell’abbronzatura, e di cui le popolazioni meridionali ne hanno naturalmente molte più di noi.
  3. Dosare il sole gradualmente. Evita la luce solare diretta durante le ore di punta tra le 11:00 e le 15:00.
  4. Garantire una protezione completa del corpo, perché le radiazioni colpiscono non solo la pelle del corpo, ma anche gli occhi, i capelli, la pelle delicata delle labbra. Metti un cappello, occhiali da sole e vestiti leggeri e ariosi nelle borse delle vacanze.
  5. Applicare la protezione solare in modo sufficiente e puntuale, con creme classiche almeno 20-30 minuti prima, in modo che vengano ben assorbite, i protettivi naturali hanno il vantaggio di agire subito.
  6. Nonostante l’impermeabilità, la protezione deve essere applicata ripetutamente durante il nuoto e lo sport.
  7. Pensa anche a una sufficiente idratazione. Oltre a una maggiore assunzione di liquidi, prenditi cura anche della tua pelle dopo aver preso il sole .

Potrebbe anche piacerti